FABIO VINCITORIO
News
© Copyright Fabio Vincitorio - Studio Commerciale
LA PUBBLICITA’ E LE SPONSORIZZAZIONI NELLE A.S.D. - Fabio Vincitorio
17482
post-template-default,single,single-post,postid-17482,single-format-standard,bridge-core-2.4.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-22.6,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

LA PUBBLICITA’ E LE SPONSORIZZAZIONI NELLE A.S.D.

CONTRATTI DI PUBBLICITA’

I contratti di Pubblicità e di Sponsorizzazioni sportive rappresentano per le ASD, tutte le associazioni e le società sportive la principale forma di sostentamento economico.

Tra queste tipologie di contratto esistono differenze formali e sostanziali che meritano un attento e puntuale approfondimento, anche al fine di comprendere i vantaggi fiscali.

La Sponsorizzazione Sportiva è un negozio giuridico a prestazioni corrispettive (operante quindi per entrambe le parti in gioco) in forza del quale un’impresa o un ente versa un corrispettivo ad un soggetto sportivo affinché quest’ultimo, nel corso delle manifestazioni sportive, mostri un segno distintivo dello sponsor, cioè il nome o il marchio.

Tale contratto è valido sia per singoli atleti che per associazioni o società sportive, federazioni nazionali ed enti di promozione sportiva.

In altre parole, sussiste un rapporto giuridico di sponsorizzazione quando viene istituito uno specifico abbinamento tra l’avvenimento agonistico e la promozione del nome/marchio dello sponsor, allo scopo di accrescere positivamente l’immagine dell’impresa ed aumentare le sue vendite di beni o servizi.

Esempio tipico è l’apposizione del nome/marchio dello sponsor sull’abbigliamento ufficiale dell’associazione o società sportiva.

LA PUBBLICITA’ SPORTIVA

La Pubblicità Sportiva, invece, si verifica quando l’attività promozionale si presenta occasionale rispetto all’evento sportivo. Si pensi, ad esempio, all’esibizione di locandine, cartelloni, striscioni pubblicitari che sono collocati stabilmente (e non in occasione di un particolare evento sportivo) a bordo campo o ai margini di una palestra per promuovere in modo diretto ed esplicito la vendita di un prodotto o di un servizio.

Esiste un’importante differenza tra l’oggetto di un contratto di pubblicità sportiva ed uno di sponsorizzazione sportiva.

Gli sponsor vengono inseriti all’interno della trasmissione stessa, al centro dell’azione e non vengono percepiti come uno stacco “pubblicitario”. Chiunque guardi una partita di calcio, vedrà gli sponsor sulle maglie dei giocatori oppure a bordo campo e questa associazione del marchio con i sentimenti e le emozioni positive dovute al divertimento di osservare una partita di calcio aiutano lo sponsor a crescere in percezione positiva.

La pubblicità è invece una forma di promozione “separata” dall’evento stesso, così come può essere uno stacco pubblicitario in TV tra un tempo e l’altro di un film in prima serata.


Devi gestire la contabilità della tua A.S.D.?

Contatta lo Studio Vincitorio, e scopri tutti i nostri servizi per le ASD


Altri Articoli che potrebbero interessarti

  • LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO SONO INDEDUCIBILI

    LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO SONO INDEDUCIBILI

    I professionisti non possono dedurre le spese di abbigliamento sostenute per dare ai clienti una buona immagine di sé, lo dice la sentenza n.177/02/23 della Corte di Giustizia tributaria di secondo grado del Veneto. I fatti – Un contribuente che svolgeva l’attività di promotore finanziario…

  • Riforma dello Sport : le nuove co.co.co amministrativo gestionali

    Riforma dello Sport : le nuove co.co.co amministrativo gestionali

    L’ art. 25 del d.lgs 36/2021 definisce la platea di coloro che possono percepire compensi nel mondo dello sport, più precisamente : E’ lavoratore sportivo l’atleta, l’allenatore, l’istruttore, il direttore tecnico, il direttore sportivo, il preparatore atletico e il direttore di gara che, senza alcuna…

Tags:
Fabio Vincitorio
fabiovincitorio@studiovincitorio.it